giovedì 6 marzo 2014

Tutorial Petunia in GumPaste

Altro post scritto a chilometri di distanza da casa...
Per distrarmi un po', ho pensato di usare il tempo
tra un esame medico e l'altro
per pubblicare qualcosa degli innumerevoli arretrati.
Vi propongo, così, un piccolo tutorial,
da aggiungere alla rubrica How to Make...,
su come realizzare delle delicate petunie
con l'ausilio dei kit proposti da Silikomart.



Ho già specificato nel mio precedente tutorial,
quello sulle Gerbere,
che non pretendo di ergermi ad insegnante;
lascio questo compito agli Sugar Florist,
sicuramente ben preparati in materia
e da cui avrei tanto da imparare
(spero sempre di poter partecipare un corso).
La mia vuole essere solo una semplice condivisione
e soprattutto un vademecum per me ;o)
In questo caso, ho usato un po'
di quello imparato in precedenza
e l'ho applicato per realizzare
qualcosa che andasse bene per i miei utilizzi
e, in particolar modo, per le mie limitate capacità.

Pochi e semplici gli attrezzi di cui necessiteremo,
ma che vi consiglio di preparare in anticipo
su un piano di lavoro comodo ed ordinato:


  • gumpaste gialla
  • cutter e venatore per petunia Silikomart
  • mattarello
  • wire florist
  • tape florist
  • colla edibile
  • pennellino
  • supporto modella fiori.
Come sempre,
vi ricordo che per alcuni attrezzi,
come ad esempio i supporti modella fiori,
sarà sufficiente guardarsi intorno
e cercare qualcosa da poter adattare alla situazione.

Ma veniamo al dunque e mettiamoci al lavoro! :o)
Per prima cosa, prepariamo i wire florist:
li tagliamo della dimensione desiderata,
creiamo un piccolo uncino con l'aiuto di un pinizetta
e li intingiamo leggermente nella colla edibile.
Con un po' di gumpaste,
creiamo un pallina molto piccola 
e la fissiamo vicino al wire florist:
il tutto dovrà avere le dimensioni di uno spillo
con la testa colorata,
quindi non molto grande...


A questo punto li mettiamo ad asciugare.
Essendo così piccoli,
basterà lasciarli sul piano di lavoro,
senza correre il rischio che perdano la loro forma,
per circa 2-3 ore,
ma anche di più se si ha la possibilità.


Trascorso il tempo di asciugatura dei pistilli,
passiamo alla realizzazione del fiore.
Stendiamo un piccola quantità di gumpaste molto sottile,
in modo tale che si veda quasi attraverso,
e con il cutter intagliamo la sagoma del fiore.


Posizioniamo la sagoma così ottenuta
nel lato concavo del venatore...


...e con l'altro lato
esercitiamo una leggera ed uniforme pressione.


Abbiamo, in questo modo,
ottenuto forma e venatura del fiore.


Prendiamo, ora, i wire florist preparati in precedenza
e molto delicatamente
li facciamo passare attraverso la corolla,
fissando il tutto con una gocciolina di colla edibile.
Facciamo asciugare i nostri fiorellini,
a testa in giù, per almeno 12 ore;
tuttavia, se si ha la possibilità di farli riposare
una giornata intera è molto meglio!


Una volta asciugati i nostri fiorellini,
sempre con molta delicatezza,
rivestiamo il wire florist con il nastro verde.


Se, invece, optiamo per la realizzazione senza wire florist,
una volta realizzato il fiorellino con cutter e venatore,
sarà sufficiente aggiungere
una piccolissima pallina di gumpaste
al centro del fiore;
otterremo lo stesso un grazioso risultato.


Volendo, possiamo poi decorare i nostri fiorellini
colorandoli un po'
prima di adoperarli per le nostre decorazioni.
Nel mio caso, li ho colorati con del perlescente rosso
e li ho usati per decorare
la torta di compleanno di mia suocera,
che potete trovare QUA! :o)



6 commenti:

  1. Ti son venuti benissimo! Potresti insegnare tranquillamente :)) Belli davvero! A presto. Vale

    RispondiElimina
  2. ....capisco il non voler apparire superbi, ma l'eccessiva umiltà diventa un'offesa alle tue abilità, cara amica mia......brava, chiara, esaustiva e molto molto competente.......prof. Lory, maestra di sugarcraft....secondo me suona bene!!!! Mai dire mai nella vita, non è detto che le buone qualità non vengano prima o poi inaspettatamente premiate: potresti insegnare tranquillamente! Bravissima! Bacio tesoro :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia cara Marika, sei troppo gentile.
      L'appellativo di insegnante lo lascio a chi di dovere e che, soprattutto, ha studiato. Io sono una semplice autodidatta... Pero`, grazie! Fa sempre piacere ricevere qualche complimento! ;o)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...